Notturno

Allora mi venne nella memoria la maniera delle Sibille che scrivevano la sentenza breve su le foglie disperse al vento dal fato.

Gabriele D’Annunzio, Notturno, 1916